Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Shell e Holy Motors vincono il Mouse d’Oro al 30° Torino Film Festival

30 nov News | Comments
Shell e Holy Motors vincono il Mouse d’Oro al 30° Torino Film Festival

Il 30° Torino Film Festival volge al termine e oggi alle 17.00, a seguito della presentazione del libro Furio Scarpelli. Il cinema viene dopo di Alessio Accardo, Chiara Giacobelli e Federico Govoni, presso lo spazio Arci di via Verdi, all’interno degli incontri Torino Off curati dalla redazione di Effettonotte Online (giurato del Mouse d’Oro) e alla presenza di un parterre d’eccezione formato anche da Paolo Virzì, Federica Archibugi e Silvia Scola, il comitato promotore del Mouse d’Oro, rappresentato da Sara Sagrati, ha annunciato i vincitori del 4° Mouse d’Oro al 30° Torino Film Festival:

  • Mouse d’Oro 2012 a Shell opera prima dell’inglese Scott Graham
  • Mouse d’Argento 2012 a Holy Motors capolavoro di Leos Carax opera forse troppo grande per vincere premi a Cannes, ma amatissimo dai giurati del Mouse d’Oro che mai prima d’ora avevano attribuito una media così alta a un film: 9,29

Grande soddisfazione tra i giurati per la vittoria di Shell, che sembrava fin da subito uno dei favoriti del Concorso e in effetti ha visto la sua leadership in classifica affermarsi giorno per giorno.

Grande orgoglio invece quello di aver avuto l’opportunità di ribadire la grandezza dell’ultimo film di Leos Carax Holy Motors, ingiustamente dimenticato dalla giuria di Cannes lo scorso maggio. Qui a Torino, per gli oltre 100 giurati del Mouse d’Oro, Holy Motors raggiunge l’incredibile media voto di 9,29: praticamente un capolavoro all’unanimità.

Nonostante questo grande risultato, resta un briciolo di amarezza per il secondo classificato nella classifica del Mouse d’argento L’ultimo pastore di Marco Bonfanti. Con una media voto di 8,75 avrebbe vinto a mani basse in qualunque altra edizione precedente. Peccato, sarebbe stata il secondo film italiano a ricevere il plauso del web italiano, dopo il trionfo di La bocca del lupo di Pietro Marcello proprio qui a Torino nel 2010.

Il Mouse d’Oro riunisce redazioni giornalistiche altamente specializzate, siti di critica militante, webzine dedicate a generi e settori professionali legati al cinema e spazi curati con grande passione da semplici appassionati.

Per questo siamo convinti che il nostro non sia solo un premio, ma soprattutto un circuito di appassionati e addetti ai lavori che nel tempo si è anche trasformato in un termometro particolarmente indicativo per misurare umori, gusti e tendenze della Rete.

 


Leave a comment

Please sign in to leave a comment.